Aree di miglioramento: individuale e supera i limiti che ti poni

Un lavoratore può rifiutarsi di svolgere le proprie mansioni in mancanza di misure di Sicurezza?
26 Settembre 2019
Vibrazioni meccaniche: evitare i rischi nei luoghi di lavoro
10 Ottobre 2019

Ti do una notizia: stai guidando la tua vita col freno a mano tirato. Pensi che non sia vero? D’accordo, allora rispondi a qualche domanda:

Hai mai messo da parte qualche progetto perché non avevi tutti gli strumenti per realizzarlo?

Hai mai scelto di non salire su un palco per timore di parlare in pubblico?

Hai mai rinunciato a prendere un aereo per paura di volare o a goderti un panorama mozzafiato perché soffri di vertigini?

 

Spesso non ne siamo consapevoli, ma sono moltissime le azioni che compiamo – che non proviamo nemmeno a compiere – perché inconsciamente siamo convinti di non poterle fare. E il fatto è che il più delle volte questo nostro pensiero non è vero.

Cos’è allora che ci fa dubitare delle nostre potenzialità? Cos’è che ci spinge a porci così tanti limiti?

L’insicurezza e la scarsa autostima sono come macigni che ci portiamo sulle spalle: ci paralizzano, ci riempiono di dubbi e ci fanno sentire incapaci di iniziare un nuovo progetto, rallentano ogni nostra mossa.

 

Per acquisire sicurezza basta prendere consapevolezza di se stessi. Il riconoscimento delle proprie qualità è fondamentale: saper distinguere in maniera realistica i propri pregi e comprendere che quelli che consideriamo difetti non sono altro che aree di miglioramento.

Ciò denota una visione di se’ più fluida e in divenire, quindi una maggiore apertura verso l’ambiente esterno. Possiamo quindi aumentare la fiducia in noi stessi solo se osiamo affrontare ciò che non conosciamo, andando incontro a nuove sfide.

Spingersi oltre l’ambito in cui ci sentiamo sicuri e a nostro agio, è l’unico modo efficace per raggiungere degli obiettivi. Questa è la zona ottimale di apprendimento, quella in cui siamo capaci di imparare cose nuove, di migliorare e di superare i nostri limiti.

 

Uscire dalla comfort zone è nella gran parte dei casi positivo ma è importante non esagerare. I limiti non sono sempre e solo qualcosa di negativo. Porci dei limiti serve anche a proteggerci (ad esempio, limitare il proprio desiderio di fumare sigarette). Inoltre uno studio canadese ha dimostrato che la totale assenza di limiti porta le persone a “paralizzarsi”, mentre esplorare un ambiente delimitato fa sentire sicuri di muoversi in libertà all’interno di quei confini.

 

Il bisogno di sicurezza e conforto è umano ma quando questo limita il nostro potenziale, è lì che si deve intervenire.

Se preferiamo restare in una situazione negativa piuttosto che affrontare l’incertezza del cambiamento, lasciamo che il dubbio e i sentimenti di inadeguatezza ci impediscano di realizzarci, di diventare consapevoli delle proprie capacità e potenzialità per conoscere i propri limiti e superarli, usandoli in maniera funzionale per la propria realizzazione.

 

Non sarebbe bello se fossi tu a decidere quando porti un limite e quando superarlo o spostarlo un po’ più in là? Cosa potresti fare? Quali obiettivi potresti realizzare?

“Tutto quello che hai sempre voluto è al di là della paura!”  George Addair

 

Non aspettare che la vita ti capiti. Osa! Allarga i tuoi orizzonti e vivi senza tracciare confini alla tua conoscenza.

Impara come individuare e lavorare sulle tue aree di miglioramento grazie al corso BELEADER.

 

Partecipa a BELEADER

Comments are closed.