BOMBOLE DI GAS TRASPORTABILI GPL: QUADRO NORMATIVO

BOTTIGLIE IN PLASTICA: SONO DAVVERO SICURE?
2 Marzo 2017
SAFETY E SECURITY NELLE SALE OPERATIVE
6 Marzo 2017

Le bombole GPL, sono soggette principalmente alla Direttiva 2010/35/UE, cosiddetta TPED in materia di attrezzature a pressione trasportabili. La presente direttiva stabilisce norme dettagliate riguardanti le attrezzature a pressione trasportabili al fine di migliorare la sicurezza e garantire la libera circolazione di tali attrezzature nell’Unione.

La presente direttiva si applica:

  • alle nuove attrezzature a pressione trasportabili di nuova fabbricazione, definite all’articolo 2, paragrafo 1, che non recano i marchi di conformità, per quanto riguarda la messa a disposizione sul mercato di tali attrezzature;
  • alle attrezzature a pressione trasportabili, che recano i marchi di conformità di cui alla presente direttiva o alle direttive, per quanto riguarda le ispezioni periodiche, le ispezioni intermedie, le verifiche straordinarie e l’uso di tali attrezzature;
  • alle attrezzature a pressione trasportabili, che non recano i marchi di conformità di cui alla direttiva 1999/36/CE, per quanto riguarda la rivalutazione della conformità.

La presente direttiva non si applica alle attrezzature a pressione trasportabili immesse sul mercato anteriormente alla data di attuazione della direttiva 1999/36/CE che non sono state sottoposte a una rivalutazione della conformità. La presente direttiva non si applica alle attrezzature a pressione trasportabili utilizzate esclusivamente per operazioni di trasporto di merci pericolose tra Stati membri e paesi terzi.

Le varie tipologie di manipolazione di bombole contenenti GPL sono regolamentate da norme tecniche specifiche, quali:

  • la UNI 7131:2014: criteri per la progettazione, l’installazione e la messa in servizio degli impianti a GPL per uso domestico e similare non alimentati da rete di distribuzione, tra cui le bombole singole di GPL;
  • la UNI EN ISO 24431:2017 specifica i requisiti dei controlli durante il riempimento, e si applica a bombole di gas trasportabili senza saldatura o saldati di acciaio o di lega di alluminio (tipo 1), e per le bombole in composito trasportabili gas (tipi da 2 a 5 compresi) per gas liquefatti e compressi di capacità d’acqua fino a 150 l;
  • la UNI EN 16728:2016 che riguarda l’ispezione periodica delle bombole trasportabili ricaricabili per GPL con capacità d’acqua compresa tra 0,5 l e 150;
  • la UNI EN 12816:2011 specifica i metodi per lo scarico sicuro di gas e per lo smaltimento di bombole per il GPL ricaricabili, realizzate in acciaio, materiali compositi e alluminio, con capacità in acqua da 0,5 l fino a 150 l compresi.

Per quanto riguarda l’attività critica della movimentazione e del trasporto, le bombole di GPL, piene o vuote sono soggette all’Accordo ADR per il trasporto di merci pericolose su strada.