Contenuto minimo delle cassette di pronto soccorso e del pacchetto di medicazione

sferaingegneria.com : nuovo design e tante novità
21 Marzo 2016
MICROCLIMA E SINDROME DA EDIFICIO MALATO
23 Marzo 2016

Il possesso e il mantenimento della cassetta di pronto soccorso aziendale fanno parte delle responsabilità del datore di lavoro. Per scegliere la giusta dotazione, nel rispetto delle normative vigenti, bisogna tenere in considerazione il numero dei lavoratori occupati, la tipologia di attività svolta e i relativi fattori di rischio

All’interno del D.M. 388 del 15 luglio 2003 sono riportate indicazioni sul contenuto minimo delle cassette di pronto soccorso e sul pacchetto di medicazione che le aziende devono garantire, così di seguito suddivise:

  • Per le aziende con più di 3 lavoratori il datore di lavoro deve garantire la presenza della cassetta di pronto soccorso contenente la dotazione minima indicata nell’allegato 1 presso ciascun luogo di lavoro, adeguatamente custodita e facilmente accessibile. Inoltre deve essere presente e ben visibile una segnaletica appropriata che ne indichi la collocazione. L’addetto al primo soccorso in azienda ha il compito di controllare la completezza e il corretto stato d’uso di tutti i presidi contenuti nella cassetta;
  • Per le aziende con meno di 3 lavoratori il datore di lavoro deve garantire il pacchetto di medicazione contenente la dotazione minima indicata nell’allegato 2, anch’esso tenuto presso ciascun luogo di lavoro, adeguatamente custodito e raggiungibile facilmente in caso di emergenza. I presidi che contiene vanno costantemente controllati, sia per ciò che riguarda lo stato di usura che per la completezza.

Per quanto riguarda gli automezzi aziendali il datore di lavoro è tenuto a dotarli del pacchetto di medicazione con le dotazioni indicate nell’allegato 2 e di un mezzo di comunicazione idoneo per contattare l’azienda al fine di attivare rapidamente il Servizio Sanitario Nazionale in caso di emergenza.

Allegato 1 – Contenuto minimo della cassette di pronto soccorso aziendale:

  • Guanti sterili monouso (5 paia).
  • Visiera paraschizzi
  • Flacone di soluzione cutanea di iodopovidone al 10% di iodio da 1 litro (1)
  • Flaconi di soluzione fisiologica (sodio cloruro – 0, 9%) da 500 ml (3)
  • Compresse di garza sterile 10 x 10 in buste singole (10)
  • Compresse di garza sterile 18 x 40 in buste singole (2)
  • Teli sterili monouso (2)
  • Pinzette da medicazione sterili monouso (2)
  • Confezione di rete elastica di misura media (1)
  • Confezione di cotone idrofilo (1)
  • Confezioni di cerotti di varie misure pronti all’uso (2)
  • Rotoli di cerotto alto cm. 2,5 (2)
  • Un paio di forbici
  • Lacci emostatici (3)
  • Ghiaccio pronto uso (due confezioni)
  • Sacchetti monouso per la raccolta di rifiuti sanitari (2)
  • Termometro
  • Apparecchio per la misurazione della pressione arteriosa.

Allegato 2 – Contenuto minimo del pacchetto di medicazione

  • Guanti sterili monouso (2 paia).
  • Flacone di soluzione cutanea di iodopovidone al 10% di iodio da 125 ml (1)
  • Flacone di soluzione fisiologica (sodio cloruro 0,9%) da 250 ml (1)
  • Compresse di garza sterile 18 x 40 in buste singole (1)
  • Compresse di garza sterile 10 x 10 in buste singole (3)
  • Pinzette da medicazione sterili monouso (1)
  • Confezione di cotone idrofilo (1)
  • Confezione di cerotti di varie misure pronti all’uso (1)
  • Rotolo di cerotto alto cm 2,5 (1)
  • Rotolo di benda orlata alta cm 10 (1)
  • Un paio di forbici (1)
  • Un laccio emostatico (1)
  • Confezione di ghiaccio pronto uso (1)
  • Sacchetti monouso per la raccolta di rifiuti sanitari (1)
  • Istruzioni sul modo di usare i presidi suddetti e di prestare i primi soccorsi in attesa del servizio di emergenza.

Una volta stabilito il contenuto minimo obbligatorio che l’azienda deve mettere a disposizione dei propri lavoratori, esistono delle integrazioni consigliate per determinati settori merceologici e particolari attività lavorative (agricoltura, industria, ristorazione ecc.). In merito a questo la normativa non dà indicazioni specifiche, ma dovrà essere il datore di lavoro, in collaborazione con il medico competente, dove previsto, ad adeguare le dotazioni sulla base dei rischi specifici presenti nell’azienda o unità produttiva.

Le disposizioni di legge prescrivono, infatti, il minimo di materiale occorrente, ma non escludono aggiunte e integrazioni particolari che permettono di affrontare con maggiore serenità alcuni piccoli incidenti e sintomi minori che sono totalmente risolvibili con qualche farmaco o prodotto, senza il bisogno di dover interrompere l’attività lavorativa.

 

Chiedi maggiori informazioni

 

Stefano Pancari
Stefano Pancari
Presidente e Legale Rappresentante

Comments are closed.