Emergenza Covid-19 e qualità dell’aria: un’opportunità per l’ambiente?

Principali errori di sicurezza domestica e come evitarli
25 Marzo 2020
Coronavirus, il contagio sul lavoro è infortunio
7 Aprile 2020

Il crollo della mobilità e dell’attività economica indotto da COVID-19 stanno generando conseguenze significative a breve termine per l’ambiente, che sono sotto gli occhi di tutti: i delfini vengono avvistati nei porti, i canali di Venezia non sono mai stati così puliti e la qualità dell’aria è sensibilmente migliorata.

 

In questi giorni di emergenza sanitaria mondiale stanno emergendo numerose ricerche da tutto il mondo che ci aiutano l’impatto dei cambiamenti a cui il Coronavirus ci ha costretti, anche dal punto di vista del contesto ambientale e meteo-climatico. Gli sforzi per controllare la pandemia di Coronavirus hanno ridotto la mobilità e l’attività industriale, generando conseguenze significative a breve termine per l’ambiente, contribuendo a miglioramenti localizzati della qualità dell’aria.

 

I livelli di anidride carbonica nelle principali stazioni di osservazione sono stati finora quest’anno più alti rispetto allo scorso anno. Le osservazioni della NASA e del servizio di monitoraggio atmosferico (CAMS) di Copernicus dell’UE hanno dimostrato che i livelli di biossido di azoto (NO 2 ) sono stati significativamente ridotti durante il blocco in  Cina . In Italia , CAMS ha segnalato una graduale riduzione del 10% circa a settimana nelle ultime quattro o cinque settimane. Va notato che una diminuzione di NO 2 è in genere osservata ogni primavera nel nord Italia a causa di una riduzione delle emissioni dal riscaldamento domestico e delle condizioni meteorologiche.

 

Le emissioni di inquinanti cinesi sono diminuite del 20-30% nel febbraio 2020 [7] e si stima che la riduzione delle emissioni di CO 2 sia stata la stessa.  I satelliti dell’Agenzia spaziale europea hanno anche mostrato una drastica riduzione delle emissioni di biossido di azoto (NO 2 ) nel Nord Italia.  Le limitazioni alla mobilità sono state un fattore alla base di questa riduzione, poiché il 70% delle emissioni di NO 2 nell’area di Milano sono prodotte dai trasporti .

 

Ma gli effetti “positivi” di questa pandemia sulla qualità dell’aria locale e sul clima globale saranno probabilmente temporanei. Nonostante i miglioramenti significativi è troppo presto per valutare le implicazioni per le concentrazioni di gas a effetto serra responsabili dei cambiamenti climatici a lungo termine. L’anidride carbonica rimane nell’atmosfera e negli oceani per secoli. Ciò significa che il mondo è impegnato a continuare i cambiamenti climatici indipendentemente da qualsiasi temporaneo calo delle emissioni dovuto all’epidemia di Coronavirus.

 

L’impatto ambientale di un’Organizzazione e le sue ripercussioni sulla natura e sull’uomo sono qualcosa a cui Sfera Ingegneria guarda con attenzione.
Siamo certi che ciascuno di noi possa intervenire per ridurre la contaminazione dell’ambiente con senso di responsabilità per il mondo che lasceremo alle generazioni future. Per questo lavoriamo con le Organizzazioni per contenere al minimo gli effetti impattanti con attività di monitoraggio e progettazione di nuove soluzioni.

 

Scopri di più

Contattaci per ulteriori informazioni

COVID-19 e aziende: domande e risposte