DPI E MANUTENZIONE: LA LINEA SOTTILE TRA FORNIRLI E CURARNE IL LORO FUNZIONAMENTO

NUOVE REGOLE PER I DEHOR A FIRENZE: SOSPENSIONE PER MOVIDA MOLESTA, LIMITE AI MQ ACCUPABILI E CONO VISUALE SU MONUMENTI
13 Marzo 2015
VALUTAZIONE DELLA RADIAZIONE OTTICA ARTIFICIALE (ROA) PER L’ILLUMINAZIONE DEGLI AMBIENTI DI LAVORO
22 Marzo 2015
NUOVE REGOLE PER I DEHOR A FIRENZE: SOSPENSIONE PER MOVIDA MOLESTA, LIMITE AI MQ ACCUPABILI E CONO VISUALE SU MONUMENTI
13 Marzo 2015
VALUTAZIONE DELLA RADIAZIONE OTTICA ARTIFICIALE (ROA) PER L’ILLUMINAZIONE DEGLI AMBIENTI DI LAVORO
22 Marzo 2015

Per DPI si intende qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore allo scopo di proteggerlo contro uno o più rischi suscettibili di minacciare la sicurezza o la salute durante il lavoro, nonché ogni complemento o accessorio destinato a tale scopo (art.74 D.Lgs.81/2008). Tale dispositivi devono essere manutentati  e, riguardo a tali manutenzioni, si fa riferimento al Capo II del Titolo III del testo Unico in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro in cui si precisano chiaramente gli obblighi del datore di lavoro in merito alla scelta e alle condizioni di utilizzo dei DPI.

Il datore di lavoro deve mantenere in efficienza i DPI e assicurarne le condizioni di igiene, tramite la manutenzione, le riparazioni e le sostituzioni necessarie oltreché le eventuali indicazioni fornite dal fabbricante (art.77 comma 4).

 

Quindi i DPI devono:

  1. Garantire la protezione del lavoratore
  2. Mantenere la loro capacità protettiva per tutto il periodo di utilizzo.

 

Appare perciò chiaro che i dispositivi devono essere mantenuti in stato di efficienza anche attraverso specifiche procedure e processi controllati.

Volendo schematizzare la corretta procedura di controllo e conseguente manutenzione dei dispositivi di protezione individuale si hanno i seguenti punti:

  1. Ispezione per l’accertamento di eventuali difetti
  2. Pulizia e disinfezione
  3. Manutenzione generale
  4. Documentazione delle attività e il mantenimento della documentazione
  5. Immagazzinamento

Per concludere con la classica “pillola di saggezza”:

Il datore di lavoro deve fornire DPI (corretti) al lavoratore e deve assicurarsi che questi siano sempre efficienti e ben manutentati. Da parte sua il lavoratore deve esporre al datore di lavoro gli eventuali problemi legati ai DPI in modo da avere un approccio partecipativo, attivo e propositivo all’interno dell’intero sistema che pone al proprio vertice il tema della salute e sicurezza dei lavoratori  dell’Azienda.

Vuoi restare sempre aggiornato?

_______

Ricevi gli ultimi articoli nella tua casella di posta.