E-trombosi da gambe accavallate

Requisiti igienico sanitari degli ambienti di lavoro
22 Aprile 2014
Infortuni in itinere
6 Maggio 2014
Requisiti igienico sanitari degli ambienti di lavoro
22 Aprile 2014
Infortuni in itinere
6 Maggio 2014

Continuano i nostri approfondimenti circa l’attività lavorativa sedentaria, con particolare riferimento al lavoro di ufficio.

Sono sempre di più gli studi che dimostrano che l’attività sedentaria, in uno spazio ristretto e con le gambe accavallate espone al rischio di trombosi delle vene delle gambe.

Cos’è una trombosi? E’ la formazione di un trombo, ovvero una piccola quantità di sangue si coagula all’interno di una vena e aderisce alla sua parete. Questa occlusione può ridurre o ostruire la cavità venosa impedendo il normale flusso del sangue.

Durante l’attività sedentaria prolungata la velocità del sangue rallenta sensibilmente ai polpacci e alle cosce questo rallentamento può ‘confondere’ il sistema della coagulazione del sangue che si attiva in modo improprio e da liquido si addensa fino a formare un coagulo. Una volta formatosi il trombo può sciogliersi da solo oppure estendersi all’interno del vaso fino ad ostruirlo in parte o completamente impedendo, così, la normale circolazione del sangue. Se il trombo si forma in organi nobili, come il cuore o il cervello, provoca danni importanti, come l’infarto o l’ictus, quando si forma nelle gambe, può provocare gonfiore, dolore, rossore, crampi. Se si frammenta può provocare un’embolia polmonare, che può essere una patologia gravissima, spesso mortale se non viene riconosciuta. In ogni caso è importante sapere che la trombosi non è mai provocata da una sola causa, ma aumenta l’esposizione al rischio per persone diabetiche, sovrapprezzo, donne in gravidanza, uso di pillole anticoncezionali, fumo, vene varicose.

Per quanto i sintomi della trombosi dipendano dall’importanza del vaso che viene colpito e da quanto è grande il trombo che si forma

e il trombo non occlude un vaso principale o se non lo occlude completamente, i sintomi possono essere molto sfumati o addirittura impercettibili. Comunque, devono destare sospetto:

  • dolore al polpaccio sotto forma di crampo;
  • pelle lucida e infiammata nella zona colpita;
  • gonfiore;
  • presenza di un cordone rosso e dolente sulla superficie della gamba (in questo caso si parla di tromboflebite superficiale);
  • accelerazione del battito cardiaco con accessi di tosse ingiustificata, a volte con dolore al dorso o al fianco, e striature rossastre nel catarro: questi sono sintomi fortemente sospetti per embolia polmonare.

Se si manifestano il mio consiglio è di recarsi dal medico che, in base ai sintomi, ai fattori di rischio e alla storia personale e famigliare della persona, potrà sospettare una trombosi e richiedere un ecocolordoppler per confermare la diagnosi e impostare un terapia corretta

 

Quali sono le buone prassi per ridurre l’esposizione al rischio:

  • alternare l’attività sedentaria con attività in postura eretta muovendosi anche se per pochi minuti;
  • fare una passeggiata durante le pause di lavoro;
  • non accavallare le gambe e tenere le piante dei piedi appoggiate totalmente a terra;
  • regolare l’altezza del sedile in modo tale da formare all’altezza del ginocchio un angolo di circa 90°;
  • mantenere una buona idratazione, bevendo molta acqua;
  • evitare di fumare;
  • evitare biancheria e indumenti stretti soprattutto all’inguine.

Fonti:

www.humanitasalute.it

www.saniforma.it

Vuoi restare sempre aggiornato?

_______

Ricevi gli ultimi articoli nella tua casella di posta.