Infortuni in itinere: caso di studio

Lavoro nelle vigne: rischio biomeccanico e come prevenirlo
2 Settembre 2022
Agevolazioni della Camera di Commercio di Firenze: chi può averne diritto?
7 Settembre 2022
Lavoro nelle vigne: rischio biomeccanico e come prevenirlo
2 Settembre 2022
Agevolazioni della Camera di Commercio di Firenze: chi può averne diritto?
7 Settembre 2022

Il rapporto annuale dell’INAIL contiene risultati non confortanti sulla lotta agli infortuni sui luoghi di lavoro in itinere. I dati parlano chiaro: +29% nel confronto con l’anno precedente.

Se da una parte questi dati devono far riflettere le istituzioni, dall’altra è fondamentale che il concetto di “educazione alla sicurezza” entri nelle nostre vite in modo più netto e decisivo, a partire dai piccoli accorgimenti quotidiani.

Sicuramente il ricorso massiccio allo smartworking durante il periodo di picco della pandemia Covid-19 ha portato ad avere dati più bassi durante gli ultimi 2 anni, però questo aumento così netto nel periodo post emergenza sanitaria deve accendere un campanello di allarme sulle nostre azioni quotidiane.

Un esempio è l’infortunio in itinere capitato alla signora V. in un giorno d’estate, un caso tanto banale quanto dimostrativo.

La signora si stava recando a lavoro a piedi percorrendo la strada di ogni giorno; sul marciapiede erano però parcheggiati motorini e biciclette che ostacolavano il passaggio. In più, il pavimento era bagnato per la pioggia. Questo ha portato la protagonista del racconto a scivolare ed a cadere a terra.

La caduta le ha provocato una lussazione dell’osso sacro con conseguente certificato medico per 10 giorni di assenza da lavoro.

L’INAIL tutela il lavoratore anche durante il normale percorso di andata e ritorno dal luogo di abitazione al luogo di lavoro, però è necessario che ognuno di noi lavori sui gesti quotidiani che fanno la differenza: il caso raccontato pone l’accento sulle azioni che indirettamente incidono sugli altri. Un altro esempio è l’attenzione alla scelta delle scarpe per andare a lavoro, affinché siano sicure e non scivolose nel caso di tragitti a piedi.

La “cultura della sicurezza” è un concetto complesso. Ma in termini di azioni che ognuno di noi compie, se tutti usassimo dei piccoli accorgimenti quotidiani, l’impatto sarebbe significativo.

Per sapere come gestire e ridurre i rischi di un infortunio in itinere:

Scopri le date dei nostri corsi sulla sicurezza sul lavoro:

Articolo di Francesca Pedone

Vuoi restare sempre aggiornato?

_______

Ricevi gli ultimi articoli nella tua casella di posta.