“L’AMBIENTE DI LAVORO SANO” SECONDO VERONICA

RAEE: QUANDO LA LEGISLAZIONE AIUTA?
7 Novembre 2016
IN VIGORE LA NUOVA LEGGE CONTRO IL CAPORALATO
10 Novembre 2016
RAEE: QUANDO LA LEGISLAZIONE AIUTA?
7 Novembre 2016
IN VIGORE LA NUOVA LEGGE CONTRO IL CAPORALATO
10 Novembre 2016

Mi presento, sono Veronica e lavoro nell’area tecnica di Sfera Ingegneria da gennaio 2016 come consulente in ambito di adempimenti ambientali all’interno delle aziende e di progettazione di Sistemi di Gestione Qualità, Ambiente e Sicurezza.

Il mio lavoro comporta l’applicazione di molteplici competenze tecniche, acquisite nel corso della mia esperienza professionale, e comprende continui contatti diretti con i clienti interessati. Il lavoro di un consulente tecnico risulta efficiente se il rapporto tra il tempo, impiegato nello svolgimento delle attività, e la qualità del prodotto è reso al massimo livello in modo da essere competitivo. Per questo motivo nel mio lavoro è importante ottimizzare le tempistiche di erogazione dei servizi mantenendo e migliorando, in maniera continuativa, la qualità degli stessi. Attraverso la mia esperienza in realtà lavorative diverse, ho sperimentato ampiamente modalità lavorative e ambienti di lavoro sia positivi che negativi.

Detto ciò, i due elementi che reputo importanti in un ambiente di lavoro stimolante e ottimale sono:

  • lo scambio di informazioni, la comunicazione e la definizione di procedure lavorative: l’identificazione di specifiche modalità operative per l’esecuzione di ogni attività aziendale, insieme allo scambio di informazioni ritenute fondamentali per l’elaborazione del prodotto, è importante al fine di ottimizzare le tempistiche di erogazione del servizio o realizzazione del prodotto.
  • La consapevolezza e la formazione del lavoratore: le aziende sono fatte di persone prima di tutto: per questo motivo è fondamentale strutturare la realtà aziendale attribuendo specifici ruoli, definiti e condivisi, e suddividendo i compiti tra i lavoratori al fine di ottimizzare il tempo nell’elaborazione dei prodotti e la qualità degli stessi. L’assegnazione di ruoli e responsabilità non può naturalmente prescindere da un’adeguata formazione dei lavoratori, intesa come attività teorica e/o pratica (addestramento) che ha lo scopo di istruire una persona relativamente ad un argomento specifico, per renderli consapevoli dell’importanza delle loro attività.

Data la mia esperienza, ho potuto sperimentare anche quali possano essere elementi dannosi all’interno degli ambienti di lavoro:

  • l’esclusione di un lavoratore da alcune attività lavorative: affidare al lavoratore attività ripetitive e che non comportano l’applicazione intellettiva di un approccio critico non favoriscono il raggiungimento degli obiettivi di qualità del prodotto desiderati e comportano possibili conseguenze dannose di stress sul lavoratore.
  • la mancanza di collaborazione tra i lavoratori stessi: ognuno, con le proprie competenze e inclinazioni personali, rappresenta un valore aggiunto all’interno di una società, che solamente insieme alle qualità e alle abilità degli altri, ciascuno secondo i propri ruoli, riesce ad essere valorizzato realmente fino a soddisfare quelle che sono le esigenze finali del cliente. Per queste motivazioni, la capacità di lavorare in team è di fondamentale importanza per ottimizzare il tempo e per incrementare la qualità del prodotto finale.

Vuoi restare sempre aggiornato?

_______

Ricevi gli ultimi articoli nella tua casella di posta.