LE MORTI BIANCHE NON ACCENNANO A FERMARSI: PIU’ DI 900 INFORTUNI MORTALI NEI PRIMI 10 MESI DEL 2016

BANDO INAIL ISI 2016
16 Gennaio 2017
IL DIRITTO ALLA DISCONNESSIONE
19 Gennaio 2017
BANDO INAIL ISI 2016
16 Gennaio 2017
IL DIRITTO ALLA DISCONNESSIONE
19 Gennaio 2017

Le morti bianche non si fermano nel nostro paese.

Come ad ogni inizio del nuovo anno, si procede a fare il punto sulla situazione delle morti bianche rispetto all’anno appena concluso, con la speranza che questi dati riportati possano sensibilizzare il lettore e contribuire alla diffusione della cultura della sicurezza nei luoghi di lavoro.

In base all’ultima analisi fatta dall’Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di Vega Engineering sulla base dei dati INAIL, salgono a 686 gli infortuni mortali avvenuti durante un rapporto di lavoro e 249 quelli accaduti in itinere da Gennaio a Novembre 2016.

In testa a questa drammatica classifica si trova nuovamente la regione Emilia Romagna con 84 casi di morti sul lavoro, seguita dal Veneto e dalla Lombardia (rispettivamente 80 e 73 vittime).
La Valle d’Aosta risulta essere l’unica regione con nessun caso riscontrato nel 2016.

A livello provinciale, la più colpita è Roma con un totale di 32 vittime registrate, seguita da Vicenza e Napoli con 22 casi ciascuno.

Il macro settore economico che conta il maggior numero di decessi (un totale di 103 casi pari al 15%) è quello delle costruzioni, seguito dalle attività manifatturiere con 93 morti (pari al 13,6% del totale) e dal settore dei trasporti e magazzinaggio (83 casi pari al 12,1%).

Tra i 686 casi riscontrati a livello nazionale, il 15,6% di questi ha coinvolto dei lavoratori stranieri, mentre 44 casi (pari al 6,4%) hanno interessato lavoratrici.

La fascia di età che guida questa nefasta classifica è quella compresa tra i 45 e i 54 anni (231 casi e 33,7%); tuttavia il tasso di mortalità più alto rispetto alla popolazione lavorativa, si registra negli ultra sessantacinquenni.

A conclusione di ciò si segnala che l’unico dato confortante è la riduzione degli incidenti di mortalità del 14,3% (114 casi) rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Vuoi restare sempre aggiornato?

_______

Ricevi gli ultimi articoli nella tua casella di posta.