Novità in materia di formazione degli operatori alimentari

La legionella
11 Giugno 2024
Il rischio da elevate temperature
9 Luglio 2024
La legionella
11 Giugno 2024
Il rischio da elevate temperature
9 Luglio 2024

Con la modifica al Reg. CE n. 852/2004 avvenuta con il Reg. UE 382/2021, il legislatore comunitario ha voluto aumentare il livello di sicurezza introducendo il principio della “cultura della sicurezza alimentare” con lo scopo di accrescere la consapevolezza e migliorare i comportamenti di tutti coloro che operano all’interno del settore.

La formazione di tutti i soggetti coinvolti nei vari processi viene ritenuta infatti strumento essenziale al fine di garantire la salubrità degli alimenti e prevenire il rischio di malattie nelle varie fasi che coinvolgono produzione, somministrazione e commercializzazione.

Le nuove linee di indirizzo per la formazione degli operatori alimentari

In questo contesto si inserisce quindi l’emanazione da parte della Regione Toscana della delibera di giunta regionale 540/2024 che contiene le nuove Linee di indirizzo per la formazione degli alimentaristi che sostituiscono le precedenti disposizioni in materia formazione del personale addetto a preparazione, trasformazione, manipolazione, trasporto, vendita e somministrazione degli alimenti.

I nuovi indirizzi intendono fornire agli Operatori del settore indicazioni utili a modulare la formazione del personale alimentarista che dovrà essere fondata sulla valutazione dell’effettiva complessità del processo produttivo e delle mansioni svolte. Gli indirizzi definiscono quindi moduli formativi, i contenuti, come dovranno essere erogati, i requisiti dei docenti e la periodicità dell’aggiornamento.

Si tratta di una formazione specifica in materia di igiene alimentare, permanente e documentata, che deve essere idonea alla mansione svolta dal lavoratore e incentrata sui rischi alimentari da prevenire. Oltre ai percorsi formativi viene attribuita particolare importanza all’attività di addestramento che deve avvenire con continuità: l’Operatore, i responsabili del piano di autocontrollo o i loro preposti devono attuare un addestramento annuale, fornendo una sua evidenza documentata da annotare nel Piano di autocontrollo.

Il personale alimentarista è classificato in base alla mansione svolta in:

  • soggetto livello 1
  • soggetto di livello 2

A ciascun livello corrisponde uno specifico percorso da frequentare. In base alle nuove linee di indirizzo, i corsi si articolano in moduli (A, B, C) e rappresentano un insieme di obiettivi formativi aggregati.

Vengono pertanto revocati i precedenti percorsi formativi.

La formazione degli addetti del livello 1 è costituita dal percorso formativo Modulo A

La formazione degli addetti del livello 2 è costituita dal percorso formativo Modulo A + Modulo B.

La formazione degli Operatori, dei Responsabili del Piano di autocontrollo o preposti è costituita dal Modulo A + Modulo C.

La durata minima del Modulo A è di 2 ore, del Modulo B di 4 ore e del Modulo C è di 8 ore

I corsi di formazione, in base al modulo, possono essere erogati da:

  1. Imprese alimentari nei confronti del proprio personale addetto. I corsi sono tenuti da professionisti in possesso di determinati requisiti elencati all’interno della delibera
  2. Agenzie formative accreditate presso la Regione Toscana
  3. Regione Toscana, tramite la piattaforma TRIO: esclusivamente il modulo A

Dalla data di pubblicazione delle linee di indirizzo possono svolgere docenza i soggetti in possesso di specifica esperienza professionale e diplomi di laurea indicati all’interno della delibera regionale.

Il soggetto attuatore rilascia un attestato di frequenza al personale che ha superato positivamente la prova di verifica finale e che abbia frequentato almeno il 90% del monte ore complessivo. In merito agli aggiornamenti obbligatori, i soggetti livello 1 non sono obbligati ad un aggiornamento nè ad un addestramento annuale ma rimane in capo all’Operatore una attività di supervisione sugli stessi.

Gli Operatori, i Responsabili del piano di autocontrollo, i preposti e gli addetti inseriti nel livello 2 sono tenuti ad effettuare un aggiornamento quinquennale di almeno 3 ore.

Nella fase transitoria del sistema le agenzie formative accreditate potranno continuare ad erogare edizioni dei corsi precedentemente riconosciuti fino al 6 settembre 2024. Le imprese alimentari potranno continuare ad organizzare corsi di formazione per i propri addetti, in base alle precedenti linee guida, fino al 6 agosto del 2024.

Al termine delle relative scadenze la formazione dovrà seguire le indicazioni delle nuove linee di indirizzo.



Articolo di Lucia Giannelli

Scopri le date dei nostri corsi sulla sicurezza sul lavoro:

Vuoi restare sempre aggiornato?

_______

Ricevi gli ultimi articoli nella tua casella di posta.