PROROGA DEL “DOPPIO BINARIO” SISTRI E DELLE SANZIONI CORRELATE

MOBBING: LA CASSAZIONE SPIEGA QUANDO SCATTA
12 Gennaio 2016
L’INAIL RINNOVA IL SOSTEGNO ALLE IMPRESE CHE INVESTONO IN SICUREZZA
14 Gennaio 2016
MOBBING: LA CASSAZIONE SPIEGA QUANDO SCATTA
12 Gennaio 2016
L’INAIL RINNOVA IL SOSTEGNO ALLE IMPRESE CHE INVESTONO IN SICUREZZA
14 Gennaio 2016

Ancora una volta, di anno in anno, assistiamo alla ennesima proroga del SISTRI (sistema di tracciabilità dei rifiuti) istituito ormai nel lontano 2009 mediante il Decreto ministeriale del 17 dicembre e mai adottato nella sua completezza.

Come ormai siamo abituati è il decreto Milleproroghe 2016, come il predecessore decreto milleproroghe 2015, a decretare lo slittamento di un ulteriore anno del sistema informatico.

L’ulteriore proroga è legata all’ancora incompleta procedura di affidamento al nuovo concessionario/gestore del sistema di tracciabilità dei rifiuti.

In concreto, viene esteso a tutto il 2016 il periodo transitorio del “doppio binario” durante il quale continuano ad applicarsi i tradizionali adempimenti e obblighi “cartacei” della tracciabilità dei rifiuti (formulari, registri e MUD), nel testo del Codice Ambiente previgente alle modifiche introdotte dalla riforma del 2010, nonchè le relative sanzioni.

Le sanzioni relative al SISTRI diverranno applicabili a partire dal 1° gennaio 2017, eccetto la mancata iscrizione o il mancato versamento del contributo annuale SISTRI, divenute operative a partire dal 1° aprile 2015.

Pertanto, gli operatori obbligati al SISTRI – così come quelli che hanno voluto aderirvi in via volontaria – dovranno rispettare sino al 31 dicembre 2016 sia i nuovi obblighi “informatici” di tracciamento sia quelli “vecchi” di tenuta dei formulari di identificazione dei rifiuti (FIR) per il trasporto, dei registri di carico/scarico e del Mud, rimanendo soggetti durante tale periodo “a doppio regime” alle sanzioni previste per il mancato rispetto degli articoli 188, 189, 190 e 193 del TUA (D.Lgs. n. 152/2006).

La nuova proroga del SISTRI segue da vicino l’approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale (MUD) da utilizzare nel 2016, per i rifiuti prodotti e gestiti nel 2015: il DPCM 21 dicembre 2015 (GU n. 300 del 28/12/2015), di fatto, approva espressamente il “vecchio” modello allegato al DPCM del 17 dicembre 2014, confermandone integralmente i contenuti.

Vuoi restare sempre aggiornato?

_______

Ricevi gli ultimi articoli nella tua casella di posta.