RSPP: compiti, requisiti e formazione

Pronti per le vacanze?
31 Luglio 2019
Il nuovo modello OT23
5 Settembre 2019

Il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione è una figura obbligatoria all’interno di qualsiasi azienda in cui opera più di un lavoratore. Ai sensi dell’articolo 17 del D.Lgs. 81/2008, deve essere nominato dal Datore di Lavoro e può essere una persona interna all’azienda (il Datore di Lavoro stesso o un suo dipendente), oppure una figura esterna; in ogni caso l’RSPP, deve essere in possesso dei requisiti necessari e deve aver ricevuto un’adeguata formazione specifica.

Il ruolo del RSPP è quello di provvedere alla formazione del personale, al supporto al Datore di Lavoro nella valutazione di tutti i rischi presenti in azienda e al miglioramento delle misure di prevenzione e protezione aziendali.

I requisiti del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione sono descritti all’interno dell’articolo 32 del Testo Unico. Nel caso in cui il Datore di Lavoro volesse ricoprire il ruolo di RSPP, deve rispettare quanto stabilito dall’articolo 34 del decreto sopra citato.

I requisiti che sono alla base per la nomina del RSPP sono:

  • Possedere la licenza media superiore;
  • Aver effettuato un corso di formazione specifico per Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione;
  • Partecipare attivamente ai corsi di aggiornamento quinquennali.

 

All’interno di un’azienda possiamo trovare due tipologie di RSPP: Interno ed Esterno.

 

Il Responsabile del servizio di Prevenzione e Protezione interno viene nominato nei seguenti casi:

  • nelle aziende industriali di cui all’art. 2 del D.lgs 17 agosto 1999, n. 334, soggette all’obbligo di notifica o rapporto, ai sensi degli artt. 6 e 8 del medesimo decreto;
  • nelle centrali termoelettriche;
  • negli impianti ed installazioni di cui agli articoli 7, 28 e 33 del D.lgs 17 marzo 1995, n. 230;
  • nelle aziende per la fabbricazione ed il deposito separato di esplosivi, polveri e munizioni;
  • nelle aziende industriali con oltre 200 lavoratori;
  • nelle industrie estrattive con oltre 50 lavoratori;
  • nelle strutture di ricovero e cura pubbliche e private con oltre 50 lavoratori.

In questi casi la figura del RSPP deve essere assicurata in maniera costante e continuativa nel servizio di prevenzione all’interno dell’azienda.

Il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione deve essere formato ai sensi dell’articolo 32 del Decreto Legislativo 81/2008.

Sfera Ingegneria si occupa di formare e aggiornare i Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione, con metodi innovativi e fuori dagli schemi. Visita il nostro calendario corsi.

 

Vai al calendario corsi

 

Il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione può altrimenti essere nominato come esterno all’azienda, sempre rispettando i requisiti sopra elencati. Un RSPP Esterno è un professionista competente, il quale svolge a tempo pieno la figura del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione.
Tale soluzione permette al Datore di Lavoro – o al dipendente da lui nominato – di potersi focalizzare sui compiti che gli sono propri, senza doversi assentare per seguire il corso formativo e senza accollarsi ulteriori responsabilità, quelle di RSPP. Inoltre un professionista esterno sarà sempre aggiornato sulle ultime novità normative.

Sfera Ingegneria ricopre da tempo il ruolo di Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione esterno per Aziende nostre clienti. Contattaci per affidarti anche tu al nostro supporto.

 

Voglio un RSPP esterno

Comments are closed.