Scale: manutenzione e autocontrolli in azienda

La giusta conservazione e consumazione degli alimenti a lavoro
29 Giugno 2022
FORMAZIONE SEGNALETICA STRADALE
6 Luglio 2022
La giusta conservazione e consumazione degli alimenti a lavoro
29 Giugno 2022
FORMAZIONE SEGNALETICA STRADALE
6 Luglio 2022

Le scale portatili e gli scalei come attrezzature ed il loro utilizzo sono disciplinati da una serie di leggi e norme specifiche.

Le scale sono uno strumento decisamente comune in ambiente di lavoro ma anche in ambiente domestico. Pensiamo a quelle più diffuse come quelle semplici, a pioli, a gradini, oppure a soluzioni più complesse come quelle a castello.

La percentuale d’infortuni a seguito di cadute dall’alto durante l’impiego di scale non è affatto trascurabile e in molti casi la causa non è imputabile a negligenze dei lavoratori, ma alla non conformità delle scale.

Premettendo che le scale portatili possono essere suddivise in due principali tipologie (scale in appoggio e scale doppie), ipotizzando un piano di appoggio stabile e orizzontale, a seconda del tipo di scala, si possono presentare differenti criticità legate ad un utilizzo scorretto.

 La scala in appoggio presenta quattro tipi di stabilità:
  • slittamento alla base
  • slittamento laterale in sommità

  • rotazione intorno ad un montante

  • rovesciamento all’indietro

La scala doppia, sempre partendo da una corretta posizione d’uso, presenta due tipi di stabilità:
  • ribaltamento laterale

  • spostamento longitudinale

Sebbene si consideri che questi incidenti siano non pericolosi, la possibilità di lesioni gravi non deve essere trascurata. Ne consegue che la conoscenza delle corrette modalità d’uso e una periodica verifica dello stato strutturale, debbano essere al centro della cultura aziendale.

L’attuale normativa ha investito il datore di lavoro nel migliorare le condizioni lavorative e di sicurezza, nonché il mantenimento dei requisiti richiede controlli continui nel tempo attraverso l’utilizzo di strumenti e l’implementazione di attività volte ad evitare questo tipo d’infortunio.

Per ridurre il numero d’infortuni legati a queste attrezzature, occorre che i datori di lavoro e gli utilizzatori modifichino l’approccio culturale a questi strumenti, passando da un approccio “istintivo”, improvvisato e non professionale ad uno professionale sia nella gestione e che nell’utilizzo.

Per consulenza e informazione sulla manutenzione e l’autocontrollo in azienda:

 

Scopri le date dei nostri corsi sulla sicurezza sul lavoro:

Articolo di Andrea Venturini

Vuoi restare sempre aggiornato?

_______

Ricevi gli ultimi articoli nella tua casella di posta.