Sospensione dell’attività imprenditoriale: casi previsti dalla legge 215/2021

Il rischio di incidente in itinere
Il rischio di incidente in itinere
13 Gennaio 2022
La formazione in videoconferenza
La formazione in videoconferenza
24 Gennaio 2022

La legge n° 215 del 17 dicembre 2021 di conversione del decreto fisco-lavoro (D.L. n° 146/2021) prevede il provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale. Questo può verificarsi per due motivi. Il primo riguarda l’uso improprio della formula del lavoro autonomo occasionale. Il secondo invece è relativo a gravi violazioni della disciplina in materia di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro.

Riguardo al secondo punto, si aggiunge una casistica a quelle già precedentemente contenute nel TUSL, ovvero la mancata notifica all’organo di vigilanza prima dell’inizio di lavori che possono comportare il rischio di esposizione all’amianto.

Vediamo quindi quali sono in tutto le violazioni contemplate ad oggi e che sanzioni comportano, come da Allegato I del D.lgs. 81/2008 (modificato daldecreto fisco-lavoro).

 VIOLAZIONESANZIONE
1Mancata elaborazione del documento di valutazione dei rischiEuro 2.500
2Mancata elaborazione del Piano di Emergenza ed evacuazioneEuro 2.500
3Mancata formazione ed addestramentoEuro 300 per ciascun lavoratore interessato
4Mancata costituzione del servizio di prevenzione e protezione e nomina del relativo responsabile  Euro 3.000
5Mancata elaborazione piano operativo di sicurezza (POS)Euro 2.500
6Mancata fornitura del dispositivo di protezione individuale contro le cadute dall’altoEuro 300 per ciascun lavoratore interessato
7Mancanza di protezioni verso il vuotoEuro 3.000
8Mancata applicazione delle armature di sostegno, fatte salve le prescrizioni desumibili dalla relazione tecnica di consistenza del terrenoEuro 3.000
9Lavori in prossimità di linee elettriche in assenza di disposizioni organizzative e procedurali idonee a proteggere i lavoratori dai conseguenti rischiEuro 3.000  
10Presenza di conduttori nudi in tensione in assenza di disposizioni organizzative e procedurali idonee a proteggere i lavoratori dai conseguenti rischiEuro 3.000  
11Mancanza di protezione contro i contatti diretti ed indiretti (impianto di terra, interruttore magnetotermico, interruttore differenziale)Euro 3.000  
12Omessa vigilanza in ordine alla rimozione o modifica dei dispositivi di sicurezza o di segnalazione o di controlloEuro 3.000  
12-bisMancata notifica all’organo di vigilanza prima dell’inizio dei lavori che possono comportare il rischio di esposizione all’amiantoEuro 3.000  

In base alla nuova normativa anche il preposto può interrompere l’attività imprenditoriale, in caso di gravi violazioni o pericoli, argomento che abbiamo trattato in un nostro precedente articolo.

Per consulenze e informazioni :

Vuoi restare sempre aggiornato?

_______

Ricevi gli ultimi articoli nella tua casella di posta.